Enogastronomia, vino

Alto Adige Wine Summit, a settembre debutta la nuova kermesse

L’Alto Adige gioca sulla qualità, nonostante la superficie vitata relativamente piccola (5.300 ettari coltivati), e sulla varietà della sua produzione, dove spiccano eccellenze come il Pinot Grigio, il Gewürztraminer e lo Chardonnay tra i bianchi e il Lagrein e il Pinot nero tra i rossi. Al via la prima edizione di Alto Adige Wine Summit, manifestazione nata sotto l’egida del Consorzio Vini Alto Adige (composto attualmente da 155 aziende vinicole che producono più del 99% dei vini Doc del territorio) e completamente dedicata al vino altoatesino, dal 22 al 23 settembre presso il MEC Meeting & Event Center Alto Adige Fiera Bolzano. 

L’Anteprima di Alto Adige Wine Summit, in programma venerdì 22 settembre dalle ore 16 alle 20, è l’occasione giusta per incontrare 61 produttori locali e per assaporare vini non ancora disponibili sul mercato; le degustazioni si svolgono presso la sala Sciliar (in versione bilingue) rispettivamente alle ore 16, 17,30 e 19 ( prezzo individuale 20 €).
Sabato 23 settembre, dalle ore 10 alle 22, presso la sala Ortles, avrà luogo Wine Stories, un innovativo percorso narrativo sul vino altoatesino che coniuga la degustazione con l’ascolto delle storie personali di chi vive e produce sul territorio, cui si aggiungono altri eventi, degustazioni alla cieca e verticali. (biglietto d’ingresso 20 € a persona, 30 € per il biglietto combinato “Anteprima + Wine Stories). 

In questa occasione si possono conoscere anche gli spumanti altoatesini, una produzione di nicchia ma di altissima qualità, grazie al microclima favorevole e alla presenza in altura, che dona ai vini una particolare freschezza. Tra le varie etichette, ArundaVivaldi, propone brut ed extrabrut dal bouquet fruttato e fragrante provenienti dalla cantina di metodo classico più alta in Europa, situata ai 1200 metri di Meltina (www.arundavivaldi.it); sorprendente anche il fresco Brut Rosè Athesis di Kettmeir di Caldaro, segnalato con “due bicchieri” da Gambero Rosso (www.kettmeir.com); poi lo spumante certificato bio, il Lieselehof brut proposto dalla Tenuta Lieselehof (lieselehof.com), e l’aromatico Praeclarus Brut della Cantina St. Pauls di San Paolo/Appiano, che matura 48 mesi sui lieviti (www.stpauls.wine).

Suggerimenti green per chi desidera lasciare a casa l’auto: 

  • In treno, con le Ferrovie Austriache e Tedesche
    Con i treni DB-ÖBB EuroCity si raggiunge comodamente Bolzano da Verona a partire da soli 9 € (da Bologna e Venezia SL a partire da 19 €). I bambini fino a 14 anni viaggiano gratis, se accompagnati da un genitore o da un nonno. Per maggiori informazioni: www.megliointreno.it
  • Mobilcard Alto Adige
    Con Mobilcard, si possono utilizzare tutti i mezzi pubblici del Trasporto Integrato per scoprire l’Alto Adige. Biglietto valido per 7 giorni a 28 €, oppure 3 giorni a 23 € e 1 giorno a 15 €. Mobilcard Junior (sotto i 14 anni) costa la metà, mentre i bambini fino a 6 anni viaggiano gratis.
  • Winepass PLUS
    Abbina museumobil Card e l’offerta lungo la Strada del Vino. Il WinePass PLUS è incluso nel prezzo di pernottamento di strutture scelte e apre le porte al mondo affascinante della Strada del Vino dell’Alto Adige. Per informazioni: www.stradadelvino-altoadige.it

 

Per ulteriori informazioni e programma completo:

www.vinialtoadige.com/it/alto-adige-wine-summit/alto-adige-wine-summit.html.

Se ti è piaciuto l'articolo, condividi: