Viaggi letterari

Buona la prima! “Successo meritato per l’evento “Cortina tra le Righe” sintesi felice di formazione e approfondimento legato al mondo dell’editoria

Sintesi felice di formazione e approfondimento legato al mondo dell’editoria.

Si è appena chiusa la prima edizione di Cortina tra le Righe, evento di formazione e informazione per i giornalisti, svoltosi dal 7 al 13 luglio a Cortina. L’originale format, innovativo nella proposta e nell’ambientazione, è stato promosso dall’Ordine dei Giornalisti del Veneto, insieme al Consorzio di Promozione Turistica di Cortina d’Ampezzo, Cortina Turismo e la collaborazione dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti. cortina 5Ora si tirano le somme, ma c’è grande soddisfazione tra gli organizzatori per la numerosa partecipazione dei colleghi giornalisti, oltre 250, l’affluenza di pubblico agli incontri con gli autori, l’attualità  dei temi. Ho partecipato all’ultima giornata di formazione tenuta dal magistrato Carlo Nordio, un vero esperto e abile oratore, che ha “alleggerito” alcune informazioni tecniche con molte citazioni storico-letterarie.

Superfluo descrivere il paesaggio che circonda la Perla delle Dolomiti, una conca tra le più ammirate al mondo. Il fascino immutabile delle Dolomiti non ha paragoni, e ha sicuramente inciso anche sullo spirito dei partecipanti. Io, per lo meno, ho goduto della bellezza che mi circondava, oltrechè della valida organizzazione e della simpatia dei colleghi con cui ho condiviso anche i giorni successivi. cortinaA partire dal pomeriggio di venerdì 11 luglio, infatti, il weekend informativo, con ben sette appuntamenti in programma, ha permesso di incontrare grandi nomi dell’informazione, tra cui Gianantonio Stella, Philippe Daverio, Luca Mercalli. Sono stati momenti di confronto pubblico su temi di grande interesse, come il giornalismo d’inchiesta, ambientale e socio-educativo, il mondo del web e le sue applicazioni.

Innovazione nella stampa e nel web è stato il tema dell’incontro moderato dai giornalisti Luca De Biase (Il Sole 24 Ore) e Carlotta Mannu (Rai1) cui hanno partecipato Gianni Del Vecchio vice direttore L’Huffington Post; Giuseppe Di Piazza responsabile editoriale Sistema Corriere Web; Simona Panseri responsabile Comunicazione  e  senior manager di Google in Italia. Nonostante alcune divergenze legate all’utilizzo degli strumenti informatici, il punto di vista dei relatori ha offerto spunti interessanti. Due mondi a confronto, apparentemente lontani; un denominatore comune emerso anche nel convegno pomeridiano “Come cambia l’informazione locale” legato al continuo e rapido cambiamento della professione, con il mondo editoriale che lascia ben poco spazio ai voli pindarici. Gli editori vogliono vendere copie, per cui si punta

Non solo: i giovani, per esempio, ha sottolineato Ario Gervasutti, Direttore de Il giornale di Vicenza, non leggono i giornali, ma li sfogliano sui tablet e smartphone; alla stampa locale, ha sottolineato Pierangela Fiorani, direttore Gruppo Finegil si chiedono notizie e approfondimenti che riguardino il territorio rappresentato.  Secondo Alessandro Russello, direttore del Corriere del Veneto, “l’informazione costa” nel senso che il lavoro giornalistico, come qualsiasi altro prodotto, deve essere adeguatamente retribuito; la parola gratis, non esiste. cortina 6Omar Monestier direttore del Messaggero Veneto, ha invece pronosticato un futuro dell’editoria molto digitale, in linea con le richieste degli utenti e già adottato all’estero da molti giornali.

Sabato 12 luglio è stata una giornata “speciale” perché abbiamo raggiunto la località 5 Torri, dove si trova il Museo all’aperto della Grande Guerra, con le storiche trincee della grande guerra. Stefano Illing, presidente di Cortina Turismo,è stato una guida preziosa, illustrando le vicende belliche svoltesi su quei monti, con aneddoti e indicazioni storiche frutto di ricerche locali. A poca distanza, il Rifugio Averau 2413 metri, ci ha accolto in tarda mattinata, mentre le nuvole si addensavano e cadeva qualche goccia di pioggia. cortina 4

In una saletta riservata si è svolta la “lezione” di Luca Mercalli, noto meteorologo di Che Tempo che fa, il quale ha subito “sfatato” alcuni luoghi comuni sull’informazione ambientale, l’uso dei pannelli fotovoltaici, le energie rinnovabili, il riscaldamento a gasolio e il teleriscaldamento, esortando i colleghi giornalisti ad approfondire le notizie e verificare le fonti, per non alimentare false conoscenze. Simpatico, estroverso, ha incuriosito e fatto riflettere, alla luce dei dati riportati.

E infine che dire dei mitici gestori del Rifugio, Paola e Sandrone, che ci hanno offerto il meglio della tradizione culinaria ampezzana, servendo piatti gustosi e raffinati, molto apprezzati. cortina 2Davanti a noi la panoramica terrazza affacciata sulla Marmolada e sul Civetta, le vette svettano immortali, sentinelle di pietra di un mondo dove i rumori tacciono.  Nel primo pomeriggio, è stata presentata l’associazione di promozione sociale“ Socialmente pericolosi” nata nel febbraio 2012, per volontà del giornalista Fabio Venditti. Promuove la formazione di un gruppo di ragazzi di strada di Napoli nei settori produttivi e creativi di cinema e tv: produzione, montaggio, sceneggiatura, grafica, scenografia. Lavoro di gruppo, interazione, con l’obiettivo di dare ai ragazzi una nuova prospettiva di vita. Così è nato il corto “Il Pallone” girato nei quartieri spagnoli di Napoli, uno sguardo su una realtà difficile, ma che vuol essere un segno di speranza. Un sfida quotidiana per questi adolescenti dagli occhi vivaci e curiosi, allevati troppo presto ad una dura scuola di vita.

Domenica 13 luglio, infine, all’agriturismo El Brite de Lorieto, incontro dedicato a Lamberto Sechi, uno dei pilastri del giornalismo italiano, presente la moglie Francesca . A ricordarlo alcuni amici e collaboratori : Chiara Beria di Argentine, giornalista e scrittrice, Maria Luisa Agnese, giornalista del Corriere della Sera, moderate da Alberto Sinigaglia, presidente Ordine Giornalisti Piemonte.

Se ti è piaciuto l'articolo, condividi: