Prodotto

Sandrigo (Vicenza) celebra la 27esima edizione della Festa del Bacalà

Il piatto tipico vicentino è un omaggio alla Via Querinissima, progetto turistico basato sulla rotta del Querini

Torna la festa del bacalà, piatto tipico vicentino versatile e gustoso, che si svolge a Sandrigo, dal 16 al 29 settembre 2014. Giunta alla 27esima edizione, la festa celebra quest’anno la Via Querinissima, viaggio compiuto dal nobile veneziano Pietro Querini nel 1431, quando approdò vicino a Rost, nell’arcipelago delle isole Lofoten. bacalà-appesi-150x150

Qui si pescava e si essiccava il merluzzo, chiamato stoccafisso, poi introdotto nella tradizione veneta, con alterne fortune. Piatto che nei secoli passati era considerato povero, ora invece, completamente riabilitato e ripagato dal successo a livello internazionale.

Proprio il viaggio ha fatto da capofila al progetto turistico-culturale promosso da Pro Sandrigo e Confraternita del Bacalà e sostenuto dalle Regione Veneto, dalla Contea norvegese della Nordland e dai Comuni di Sandrigo e di Rost. La manifestazione, giunta alla 27esima edizione, inaugura martedì 16 settembre con il gran Galà del Bacalà (su prenotazione) che si può gustare anche nei chioschi gastronomici presenti nelle piazze di Sandrigo.  Senza-titolo-4-150x150lofoten4-150x150Piatti a base di baccalà, dai primi come gli Gnocchi di Posina o il risotto, al secondo (Bacalà alla Vicentina e Polenta) per soddisfare tutti i palati e le numerose presenze, prevedendo di bissare il successo delle passate edizioni. Ma oltre al cibo, il pubblico potrà godere di musica dal vivo e spettacoli di danza.

Domenica 28 settembre apre con un evento importante, la Cerimonia di investitura della Confraternita del Bacalà dalle 10.30 nel Piazzale del Municipio, confraternita_gruppo-150x150che celebra l’accoglienza dei nuovi confratelli da parte del Priore. Momenti conviviali, sfilata dei cavalieri del Bacalà insieme ai rappresentanti di altre confraternite enogastronomiche; presente anche una delegazione di pescatori di Røst.

Infine, in concomitanza con la Festa, si potrà visitare Villa Sesso Schiavo (con guida su prenotazione al pomeriggio o entrata libera negli orari di apertura degli stand gastronomici dalle 18 alle 21) e fare un giro tra i banchi del mercatino dell’artigianato.

Se ti è piaciuto l'articolo, condividi: